Come scrivere e-mail personalizzate che convertono gli utenti in clienti

Niente come qualcosa o qualcuno che ci riconosce ha il potere di attirare la nostra attenzione.

Dal nostro assistente vocale che ci saluta, all’avere le nostre preferenze salvate automaticamente durante la navigazione su eBay, vedere il nostro nome o nickname è una mossa che cattura la nostra attenzione digitale.

Quando i digital marketer pensano a come orchestrare una campagna online, hanno due nemici da sconfiggere: la cartella spam e il senso di fastidio che un cliente può provare nel vedere una email commerciale nella sua casella di posta elettronica. Come si può risolvere questo problema?

Ci sono tutta una serie di passi che si possono compiere per evitare entrambi i problemi di cui sopra. Vediamo cosa può fare un digital marketer per far sì che i clienti si sentano apprezzati quando ricevono e-mail di stampo promozionale:

– Raccogliere i dati personali: quando qualcuno si iscrive alla nostra newsletter o compila un modulo per accedere ai servizi che stiamo vendendo, ci sono alcuni dati che vengono richiesti. Nome, cognome, data di nascita sono informazioni che possono aiutare un marketer a comporre un’email personalizzata. Può sembrare un passo ovvio da compiere, ma rivolgersi a qualcuno con il nome o il nickname indicato, è un passo fondamentale per dargli il benvenuto a bordo. Un semplice “Ciao, Frank” ha più appeal di un generico “Ciao!”. Inoltre, assicurati di includere e scrivere su argomenti che i tuoi utenti hanno già visualizzato in passato. È dimostrato che quando invii un’e-mail contenente suggerimenti su prodotti simili a quelli che i clienti hanno già acquistato o cercato, oltre il 90% dei potenziali acquirenti si sentono più propensi a visitare nuovamente il tuo sito web. A causa delle nuove norme sulla privacy – ma dovrebbe essere una pratica standard – dobbiamo prestare particolare attenzione ai dati che raccogliamo e utilizziamo per scrivere una email personalizzata. Un marketer competente non vuole che il brand per cui lavora venga percepito come uno spione. E questo ci porta direttamente al secondo punto.

– Monitorare le attività degli utenti: è fondamentale sapere cosa cercano principalmente gli utenti nel tuo sito web, perché è un dato che puoi usare per creare e-mail basate su queste informazioni. Mentre monitori quali parti del tuo sito web e della tua campagna digitale stanno lavorando per conquistare nuovi utenti, è utile per indagare quale parte del tuo sito web sta invece avendo una performance al di sotto delle aspettative. È un’occasione per discutere e rafforzare quelle parti della campagna digitale che non funzionano come si desidera. Raccogliere questo tipo di dati sul traffico online, sul target e così via, è un compito per professionisti specializzati, e quindi è saggio assumere qualcuno che se ne occupi. Il motivo è semplice: tu vuoi sapere cosa piace ai tuoi clienti, per essere in grado di offrire loro contenuti il più pertinenti possibile. Allo stesso tempo, non vuoi che i potenziali acquirenti si sentano spiati o perseguitati. Personalizzare un’e-mail significa sapere che la signora Rossi è alla ricerca di un libro che tu puoi venderle e, nell’email che le invierai, non vuoi farle sapere che l’hai “vista” dare un’occhiata ad ogni sezione del tuo sito web in cui si parla della vendita di quel libro. Inondare la casella di posta elettronica della signora Rossi con tonnellate di e-mail per ogni ricerca che ha fatto, farà solo etichettare il tuo brand come fastidioso, facendogli vincere un posto speciale nella cartella Anti Spam.

-Fai Attenzione: come sai, il diavolo è nei dettagli. Quando contatti un cliente per promuovere il tuo prodotto, vuoi dirgli che proprio tu hai il prodotto perfetto per le sue esigenze. È importante iniziare nel modo giusto. Abbiamo detto che rivolgersi all’acquirente con il nome/nickname è una buona mossa per interagire con lui o lei, offrendo al tempo stesso un qualche tipo di sconto o più informazioni sulla vendita che speri di concludere. Tuttavia, una delle cose più importanti è quella di controllare l’e-mail che si sta per inviare e assicurarsi che non contenga errori. Perchè non assumere un copywriter che si accertarti che le tue email abbiano un aspetto personalizzato e non solo automatizzato? È possibile – e si dovrebbe – utilizzare strumenti di automazione per inviare e-mail, ma certamente tu desideri evitare che le frasi appaiano scritte da un automa.

-La semplicità è una virtù: nessuno vuole aprire un’e-mail da un imprenditore o un’azienda ed essere travolto da un flusso enorme di parole. Il tuo messaggio deve essere semplice e chiaro. Perché stai scrivendo? Cosa vuoi promuovere? Hai meno di un minuto per attirare l’attenzione dei potenziali acquirenti e far loro sapere che hai pensato al contenuto più adatto a loro. Non puoi includere tutto quello che vuoi dire sul tuo prodotto, quindi scegli la sua qualità più famosa, la sua convenienza, o qualsiasi cosa renda il tuo brand unico. Parlando di chiarezza, potresti trovare la necessità di suddividere il tuo target abituale in diversi gruppi – diciamo età, Paese, interessi e così via. Questa operazione può essere particolarmente utile quando si cerca di scrivere più e-mail per clienti diversi. Sai cosa hanno in comune queste persone e quindi sai anche come parlare con loro.

C’è un’altra parte della strategia di digital marketing in questo campo che dovresti tenere a mente, mentre discuti la campagna con il tuo team di professionisti. Fino ad ora, abbiamo parlato di cosa si può fare per comunicare via e-mail con il pubblico senza infastidirlo.

E riguardo a cosa possono fare i clienti quando ricevono le tue email?

Ci sono diverse cose che puoi fare per rendere la tua e-mail più interessante:

– Chiedi direttamente agli utenti cosa vogliono ricevere: quando i potenziali clienti si iscrivono alla tua mailing list, puoi strutturare il modulo che devono compilare, dando loro la possibilità di selezionare il tipo di contenuto che sono interessati maggiormente a ricevere.

– Puoi rendere interattive le email: includi link che portino i clienti nell’area del tuo sito web che hanno visitato in precedenza. Puoi chiedere le loro opinioni tramite sondaggio, o ottenere un feedback allo stesso modo. Non solo questo è un metodo utile per capire se il tuo messaggio raggiunge il tuo target come tu ti auspichi, ma fai anche sapere ai tuoi clienti che ti interessa la loro opinione.

Un team di professionisti ti aiuterà anche a decidere quale frequenza di invio le e-mail dovrebbero avere, e quale tipo di messaggio può essere più utile da spedire. Possono anche aiutarti a fissare un obiettivo realistico in termini di interazione e ritorno del tuo investimento.

Dunque, abbiamo visto che le email dovrebbero essere attraenti per i clienti, personalizzate, non una mera occasione di vendita, amichevoli ma al contempo professionali.

C’è qualcos’altro che dovresti sapere?

Vale la pena aggiungere che il modo migliore per ottenere una risposta dalle e-mail inviate è quello di raccontare una storia. Le persone hanno poco interesse a parlare con un mero venditore, ma le puoi coinvolgere creando un contenuto che spieghi qualcosa in più sul brand o sul prodotto. Sta a te decidere se vuoi raccontare della tua attività, o se scegliere un argomento che godi di grande visibilità online. La cosa importante è non dimenticare che oggi la gente vuole più che semplici informazioni. I clienti – o potenziali tali- visitano il tuo sito web per informazioni specifiche sui prodotti, ma è necessario indirizzarli lì dando loro più di un mero catalogo. Devono godersi un’esperienza – e parlando di questo approccio, puoi leggere di più in questo articolo.

Per esempio, diamo un’occhiata a come un’e-mail non dovrebbe mai essere scritta:

Ci#o!

Grazie per aver visitato il nostro sito Internet mercoledì. Ci dispiace molto che tu non abbia compprato nulla – ma abbiamo visto che hai cercato a lungo un libro su Digital Marketing & New Media.

È un peccato, abbiamo tonnellate di libri che siamo sicuri che apprezzerai, che ne dicidi questi?

Storm of Love, di J.K Lovely

Lady Kathy troverà l’amore della sua vita? Dall’autore di Amore Proibito, un’altra storia piena di mistero e passione.

Come diventare milionario vendendo biscotti, di G. Man

Nella sua autobiografia, il milionario G. Man vi spiegherà come raggiungere il successo nella vostra sfera professionale e personale.

Come utilizzare i social media senza PC, di A. Turing

Vi siete sempre chiesti come guadagnare ancora più soldi grazie a un singolo post arguto? Questo libro ha le risposte.

Ci auguriamo che ti piacciano i nostri suggerimenti, ci vediamo presto sul nostro sito web!

Non c’è bisogno di essere un esperto per sentire un brivido scorrere lungo la colonna vertebrale. Immagina di accedere alla tua casella di posta elettronica e trovare questa e-mail. Un’e-mail che ti dice esattamente quando hai cercato un particolare articolo, come se il Grande Fratello stesse comunicando con il cliente. Niente immagini, solo parole. Errori. Un carattere sbagliato nel saluto, che tra l’altro è senza nome. Nessun link che il cliente possa utilizzare per essere rapidamente reindirizzato a un sito web. E, peggio ancora, a malapena una su tre delle opzioni della lista potrebbe vagamente interessare l’utente. 

Non solo questa e-mail non è interattiva o interessante, ma ha anche vinto un posto speciale nella cartella Anti Spam. Questo è solo un esempio, ovviamente, ma tutti abbiamo ricevuto un messaggio simile. Un testo scritto in questo modo non ha alcun valore: non parla di un prodotto a cui il cliente potrebbe essere interessato, non offre offerte o informazioni utili, e non rende più accessibile ad un utente raggiungere questa azienda immaginaria. Se qualcuno l’avesse scritto nella realtà, sarebbe stato uno spreco di tempo e denaro.

Come avrebbe potuto essere più attraente la composizione di questa e-mail?

Ciao Davide,

Grazie mille per esserti iscritto, siamo entusiasti di averti con noi!

Pensiamo che tu possa essere interessato a conoscere le nostre nuove offerte:

20% in meno su tutti i libri acquistati durante il fine settimana

Spedizione gratuita per il tuo primo ordine

E non farti sfuggire la nostra nuova selezione di libri sul Marketing!

Come diventare marketer, di S. Kido

Marketing digitale e dintorni, di H. Crystal

Per saperne di più clicca qui: www.books4you.com

La differenza è enorme, e questa e-mail è stata scritta seguendo le semplici regole di cui abbiamo parlato precedentemente in questo articolo.

Se vuoi un esempio reale, invece, dai un’occhiata alla pubblicità di Headspace. Il messaggio che questa app intende trasmettere è chiaro, ben scritto e molto piacevole da guardare. Tutte le informazioni di cui hai bisogno sono in questa singola e-mail:

https://cdn-images-1.medium.com/max/1600/0*Zf_guStPVUlJ-Cyk

Credits: mailbakery.com

Abbiamo visto un paio di esempi.

Cos’altro dovresti sapere? Dunque, vediamo:

-Personalizzare le email può sembrare un sacco di lavoro da svolgere, ma grazie a strumenti come AWeber e Cakemail, e la presenza di agenzie di comunicazione, il tuo lavoro è molto più facile di quanto non fosse in passato.  Basta ricordare che il business online è un business come tutti gli altri. Meglio assumere dei professionisti, per avere certezze riguardo a un ritorno del tuo investimento.

-La prima e-mail è importante per attrarre e interagire con il cliente, ma è necessario mantenere costante il suo interesse, se si vuole anche mantenere un flusso di vendita. Quindi, sì all’invio di follow-up dopo un acquisto, o al ricordare loro di promozioni in corso, o anche a una semplice e-mail per spiegare come altri clienti abbiano risolto i loro problemi grazie al tuo servizio.

-Tieni presente che le e-mail non sono solo un modo per cercare nuovi clienti, ma anche per far conoscere i valori e le qualità del tuo brand. Quindi, usa il content marketing! Non sei sicuro di cosa si tratta? È possibile trovare tutte le informazioni in questo articolo.

Alla fine, le e-mail sono solo un altro, potente strumento per espandere il tuo business, ma da grandi poteri derivano grandi responsabilità! Una persona non può semplicemente improvvisare le competenze essenziali a organizzare una campagna di digital marketing, e non è facile gestire una mailing list che tiene impegnati gli acquirenti evitando di sommergerli con messaggi indesiderati. 

Non preoccuparti, a Targeto ti copriamo noi le spalle.

Se vuoi avere un ritorno dal tuo investimento – e stiamo parlando sia di soldi che di tempo – la nostra Media Buying Agency è la scelta giusta. Affidarsi a un team di professionisti è la mossa intelligente, ma questo non significa che non avrai voce in capitolo. Siamo qui perché vogliamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi e dare visibilità al tuo business.Puoi trovarci qui o, se vuoi un assaggio di ciò di cui siamo capaci, puoi programmare una sessione di strategia gratuita qui.

One Response

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *