Voice Assistants and the Future of Advertising

If someone is going to ask us to imagine the future two scenarios jump into our minds. The first one is a Mad Max’s style land where we will fight each other for the last fresh tomato while wearing spikes and driving hybrid cars that spit flames. The second one is an era where flying cars and sentient technology have made our lives more comfortable, and we can activate everything or discover everything just using our voice. Putting aside the first hypothesis — we have a taste of the technological future nowadays.

We’re speaking of the Vocal Assistants, of course, that bunch of voices that pop us from our devices from time to time: Siri, Cortana, Alexa, all the assistants which various businesses are building exclusively for their clients.

Naturally, the future where our life we’ll be automated isn’t exactly behind the corner, both in terms of costs and practical application, but ignoring the increased popularity that the vocal assistants have gained is impossible. Maybe we don’t have — yet! — a house that knows when to turn on the oven, but at least once we all have dialogued with the voice in our smartphones. Recent research showed that the large — scale users of vocal assistants at the moment are the Asian markets, led by India and China. The European audience seems to have a lukewarm reaction towards vocal assistants, with just a quarter of the population using them on a daily basis.

Voice Shopping is predicted to reach 40 Billions by 2022. Consumers are more likely to use digital-assistant technology to inform a buying decision (47%), add items to a shopping list (43%), or compare product prices (32%) than to rely on purchasing-via-speaker as their primary digital shopping technique.

We can see the world moving towards this direction right now due to a few factors such as:

  • The deal Amazon recently launched during Black Friday and Holidays season: to promote the spread of their device, Amazon Echo, Amazon gave its customers the opportunity to buy the device at a hugely discounted price. Their plan worked well and even if not all the buyers have Alexa linked to an electrical appliance, vocal researches increased in the last months.
  • The ease of use of these devices: it’s no coincidence that the majority of users consult their assistants while driving, cooking or walking. The answers are easy to obtain and it’s a quick system to find out where the best sushi restaurant is or when the postal office closes. Another big pro is that the results are geolocalized. There is no need to specify where we want to find a particular product or service if we don’t want to because the system assumes we’re interested in something that is close to us — both physically or theoretically linked to our most recent researches.

Why digital marketers should pay attention to Voice Assistants?

Promoting something always means you have to compete against others with a similar offer. However, doing so while having a voice introducing your offer to potential customers? You need to know how algorithms work to select the best results and make sure you are the one to be kindly presented by the voice assistant!

  • Focus on the ranking — the position that your ad will occupy in the list of results — becomes essential. You want your business to appear in the first place the vocal assistant is going to read out loud to a potential customer. To achieve this goal, do so you must have SEO written content and good content marketing — you can learn more here.
  • Create content easy to read and understand — focusing on the best qualities of your product and maybe offering interaction between itself and the customers. For example, various beauty brands provide the possibility to have a beauty consultation based on the result of your research: did you search a hydrating cream for your skin? The brand’s assistant will tell you what other products you could use to solve your problem or what tricks you could try. Another example? Disney created some themed games children can play dialoguing with the voice assistant. The American television network HBO created the so-called skills, an application that allows you to reach your favorite tv shows or to start to play them on your tv.

According to research launched by Google, 52% of the Voice Assistants’ users wants information about sales, deals, and offers. Even if at the moment having Ads it’s not possible on Echo or Google assistant — meaning you won’t have a random voice interrupting your question with a commercial offer — the time for them is coming. Marketers are answering preparing content marketing useful to answer direct questions such as “Where is the best Chinese restaurant?” or “Tell me where I can find a good car dealer in my town.”. They’re starting to write content which can be found easily by a search engine and offered via Voice Assistant. Even if at the moment both Google Home and Amazon Echo are still an experimental battlefield for marketers, professionals know it’s just a matter of time before vocal researches will explode. Businesses have already begun to experiment with how they can make potential buyers interact with them via a vocal assistant. The rules are more or less the same: focus on the product while showing why it’s the best in its category.

Marketers have also started experimenting with the possibilities of an interaction between the potential customer and the product via Assistant. Having someone searching via voice means the results will be more customisable, hence the need to think of digital marketing able to push content marketing that the potential customers don’t perceive as a simple advertisement but as an interaction.

This opens all a new world of possibilities where creativity can be mixed with a more practical approach:

The first question must be thinking about the Assistant itself. These are mere examples, but a marketing approach could ask: what Vocal Assistant we want to target? How does the audience perceive it? What is the typical user of this Assistant? Do they think the Assistant should be friendly or formal in its answers?

Then, digital marketers study how to approach the content. What sentences are most used to ask Assistant information about a specific product? What are the keywords? For how long customers are willing to listen to the Voice Assistant reading a result?

All these questions don’t have a general series of answers. As it always happens in marketing, every brand or product is unique and needs to collect data about users in order to build in the future an effective voice-driven marketing campaign.

However, how can the Vocal Assistants help digital marketers in converting users into customers?

Customers generally do the researches before buying something, and they use different devices for this. Since the Vocal Assistants are a new branch, the market is still studying how they’re mostly used when it comes to researches for a product. Right now, it seems that Cortana, Alexa, and all the other Assistants are used for quick inquiries such as Give me directions for the library or to find a business like Where can I buy a new laptop? As you can see, these questions require short, direct answers.

Then again, the importance of an SEO correctly written content comes to light. To index your business, so it will appear in the list that Voice Assistant is going to propose to a potential client, you must use the right keywords and think sentences that can be easily read. Always keep in mind that the significant part of the users is doing another activity which is competing against you in terms of attention. The result returned must contain all the information the user needs and nothing more. In creating the content for a Vocal Assistant, you can be as creative as you want, but when trying to push your product, you must focus on, well, the product itself. Moreover, yet, you must avoid being perceived as an invading advertisement. Tricky, right?

Voice-Activate Your Marketing.

It’s vital to keep in mind that an interaction between a Vocal Assistant and customers is a different dimension than an advertisement found or proposed when a person is searching for a product online using their smartphone or computer. When “talking” to an Assistant the exchange becomes more private. Personal. The space between the person and the Assistant is closer than when they use another device: they’re driving, or they’re in their homes interacting with this specific device while talking to it. The last thing a buyer should want is to be a nuisance for a potential customer. It appears that customers want to feel valued as a person first, so when they ask Cortana for a product, they want to know the critical information and some interaction, but not a cold advertisement that pushes towards other products as well.

Voice assistants are capable of performing quite an impressive number of tasks: offering you music, control any device connected to a smart home automation hub, reading an ebook or a recipe. In changing the way customers interact with them for marketers means the necessity to place high attention on keywords and focus on natural language. Alexa or Siri’s users don’t want just information, but a conversation as well.

No Direct Advertising for now, but big perspectives.

Since the producers of the Vocal Assistants have forbidden for now direct marketing, marketers are turning creative offering an experience. What does this mean? It’s not possible to launch a standard advertisement due to the forenamed rules that forbid the practice. It’s possible, however, creating content that interacts with the user while talking to them about a product. The interaction is nothing poetic: the Assistant answers to direct questions. However, this doesn’t have to be a sterile conversation. All it depends on how the content the Voice Assistant is reading has been written. It can provide information without sounding cold or distant, and it can convince the user to visit the website of that company, when not order the product directly.

We have seen how the advertisement via Voice Assistant is slowly starting to gain popularity. Ignoring this new branch of the marketing isn’t a real option for businesses and entrepreneurs that want to promote their products in the next years. Since the possibilities are still developing we can only imagine how big of an impact this is going to be for the world of digital advertising. For us marketers, this is good news! We are going to find a new, engaging way to communicate with our prospects.

How to write Personalised Emails that convert on your clients!

Nothing like something which recognised us has the power to grab our attention.

From our Vocal Assistant greeting us, to having our preferences automatically saved while browsing through eBay, seeing our name or nickname is a move that grabs our digital attention.

When digital marketers are thinking about how to orchestrate a digital marketing campaign, they have two enemies to defeat: the spam folder and the annoyance a customer can feel seeing a commercial email in their inbox. How can this be solved?

There is a series of useful steps that can be taken to avoid both the problems above. Let’s see what a digital marketer can do to make customers feel valued when receiving emails:

  • Collecting personal data: when someone signs up to our newsletter or fill a form to access the services we are selling, there are a few data we ask. Name, surname, date of birth are information that can help us to build a personalized email. It can appear an obvious step to take, but addressing someone with their indicated name or nickname is a fundamental step to welcome them. A simple “Hello, Frank!” has more appeal than a generic “Hello!”. Besides, make sure to include and write about content that your users already checked. It’s demonstrated that when you sent an email containing suggestions about products similar to the ones the customers already purchased or searched about, more than 90% of potential buyers will feel more inclined to visit again your website. Due to the new norms of privacy — but it should be standard practice — we want to be careful with the data we collect and use to write a customized email. A competent digital marketer doesn’t want to make the brand that hired them to appear like a creepy spy. And that brings us straight to the second point.
  • Monitoring users’ activities: you want to know what users on your website search mostly for, and you can use it to forge emails based on that information. While monitoring which parts of your website and digital campaign are working on bringing you more new users, it’s also useful to investigate which part of your website appeals to users less. You can take this chance to discuss and strengthen those parts of your digital campaign that aren’t working as you wish. Collecting this type of data about traffic, target and so on, is a specialized task and you should have professional taking care of it. The reason is straightforward and not at all different from the one of the above points: you want to know what your customers like therefore you can be able to offer them content as pertinent as possible. At the same time, you don’t want to make your potential buyers feel spied or stalked. Customizing an email means knowing that Mrs. Smith is searching for a book that you want to sell and send her an email about deals and sales about that book or the author, not letting her know you saw her having a look at every section of your website. Flooding Mrs. Smith’s email box with tons of emails for every research she did is just going to label your brand as a nuisance and win a place in the Spam folder.
  • Pay attention: as you know, the devil is in the details. When reaching out for a customer to promote your product, you want to tell them you have the perfect product they’re searching for. It’s important to start in the right way. We said addressing the buyer with their name/nickname is a good move to engage with them while offering a deal or more information on the sale you hope they want to conclude. However, one of the most important things is to proofread the emails you’re going to send and to make sure that they don’t contain any mistake. Hire a copywriter who can make sure your emails are going to look personalized and not merely automated. You can — and should — use automation tools to send emails, but you are going to want to avoid that the sentences appear robotically written.
  • Clarity is a virtue: nobody wants to open an email from a brand or a business and being hit by a stream of words. Your message must be simple and clear. Why are you writing? What are you promoting? You have less than a minute to grab potential buyers’ attention and let them know you thought content for them. You can’t include everything you want to say about your product, so pick its most reliable quality, its affordability, or whatever it makes your business unique. Speaking of clarity, you might find the need to split your usual target into different groups — let’s say age, Country, interests, and so on. This operation can be particularly helpful while trying to write multiple emails for different customers. You know what these people have in common and how to speak to them.

There is another part of the digital marketing strategy in this field that you should keep in mind while discussing your digital campaign with your team of professionals. Until now, we have spoken about what you can do to communicate via email with your audience without annoying it.

How about what they can do when receiving your emails?

There are different things you can do to make your email more appealing:

  • Ask them what they want to receive: when potential customers sign up for your mailing list, you can structure the form they have to fill giving them the option to select which type of content from you they would be more interested in seeing.
  • You can make the emails interactive: include links that bring the customers in the area of your website they visited previously. You can ask for their opinions via survey or obtain feedback in the same way. Not only this is a useful method to understand if your message is being delivered in the way you want it to, but it also lets your clients know you care for their opinion.

A group of professionals is also going to help you decide what frequency you should send your emails and what type of message can be more useful to deliver every time. They can also help you fix a realistic goal in terms of interaction and return of your investment.

So, we have seen that emails should be appealing to the customers, customized, not a cold sale, friendly but professional.

Is there anything else you should know?

It’s worth adding that the best way to obtain a response from the emails you sent is to tell a story. People have a little interest in talking with a seller, but you can appeal to them giving a content that explains something. It’s up to you deciding if you want to narrate about your business or a topic that is spreading online. The important thing is not forgetting that nowadays people want more than information. Customers — or potential ones — visit your website for specific about your products, but you need to direct them there giving them more than just a product. You want them to enjoy an experience — and speaking of this approach, you can read more in this article.

For example, let’s have a look at how an email shouldn’t be written:

Hell#!

Thanks for your visit on Wednesday. We’re very sorry you didn’t buy anything — but we saww you searched a lot for that book Digital Marketing & New Media.

That’s a pity, we have tons of books we’re sure you can appreciate, how about these?

Storm of Love, by J.K Lovely
Will lady Kathy find the love of his life? From the author of Forbidden Love another story full of mystery and passion

How to Become Millionaire Selling Biscuits, by G. Man
In his autobiography, the millionaire G. Man will explain you how to reach success in both your professional and personal life.

How to Use Social Media without a PC, by A. Turing
Have you always wondered how self — made billionaires makes even more money with a witty post? Ask no more, this book have the answers.

We hope you’ll like our suggestions, see you soon on our website!!!

You don’t need to be an expert to feel a shiver running along your spine. Imagine opening your email box and finding this email. An email which tells you exactly when you searched for a particular item as if the Big Brother is communicating with the customer. No pictures, just words. Typos. A wrong character in the nameless greeting. No links the customer can use to be quickly redirected to a website. And, worst of all, barely one on three options from the list could interest the user. 
Not only this email isn’t interactive or appealing, but it’s also won a special place in the Spam folder. This is just a made-up example, of course, but we all have received something similar before. A message written in this way doesn’t carry any value: it doesn’t speak about a product the customer could be interested in, it doesn’t offer deals or any useful information, and it doesn’t make any more accessible for a user to reach this fictional company. If someone had written it in reality, it would have been a waste of time and money.

How should this email be written to be more appealing?

Hello David,

Thank you very much for your subscription, we’re thrilled to have you with us!

We think you would like to know about our newest deals:

20% Less on all books purchased during this weekend

Free shipping for your first order

And don’t miss our new selection of Marketing books!

How to Become a Marketer, by S. Kido

Digital Marketing and More, by H. Crystal

Discover more at www.books4you.com

The difference is enormous, and this made up email has been written following the simple rules we talked earlier in this article.

If you want a real-life example, instead, have a look at Headspace’s advertisement. The message this app intends to deliver is clear, well — written and very pleasant to look at. All the information you need is in this single email

Credits: mailbakery.com

We have seen a couple of examples.

What else should you know? Well, let’s see:

  • Personalizing emails can seem a lot of work to perform, but thanks to tools like AWeber and Cakemail, and the presence of media agencies your job is so much easier than in the past years. Just remember that online business is a business just like any other else. Better hiring professionals to have a return from your investment.
  • The first email is important to engage with the customer, but you need to keep their interest if you want to keep their business. So, yes to sending them follows up after a purchase or reminding them about that sale that is going on, or a simple email letting them know how other customers solved their problems thanks to your service.
  • Keep in mind that emails aren’t only a way to search for new customers, but also to let people know about the values and the qualities of your brand. So, use content marketing! Are you not sure what is it? You can find all the information in this article.

In the end, emails are just another powerful tool for you to expand your business, but with great powers come great responsibility! A person can’t merely improvise the workload required for organizing a digital campaign, and it’s not easy to manage a mailing list that keeps buyers engaged while avoiding to submerge them with undesired messages. 
Worry not, at Targeto we got your back.

If you want to have a return from your investment — and we’re speaking both about money and time — our Media Buying Agency is the right choice. Putting your trust in a team of professional is the smart move, but this doesn’t mean you won’t have anything to say. We’re here because we want to help you to reach your goals and give visibility to your brand.

You can find us here or, if you want a taste of what we’re capable of, you can schedule a free strategy session here.

How to Deal with An Angry Customers’ Feedback as a Digital Marketer

Let’s be honest. After working so long and with all our passion for something, one of the hardest things to deal with is feedbacks. Of course, I’m not talking about the ones which are exceptional and encourage us to do better — anyone loves to be praised for their work.

No, the significant problems that I see happen when someone has to deal with negative feedback. It’s obvious that nobody likes to be criticised, especially if the feedback isn’t a well-reasoned group of sentences, but only a confused rambling about how the service was terrible and the customer service was awful, and blah blah blah this customer promises to ruin us and never buy from us again. 
Yelp and TripAdvisor are an excellent example of such a situation. Just a quick look revealed that inside the category “negative feedback” we can have two different types:

  • The “I don’t want a solution, I just want to ramble” group, where they complain about one or more aspects of their personal experience — often using a vast amount of hyphens — without exposing clearly the problems or even ignoring the attempts from a manager to understand what exactly happened.
  • The “One or two things prevented me from enjoying my experience with your business” group, where customers voice their disappointment towards what didn’t make their time perfect, and they seem at least willing to talk with a supervisor.

Both groups can be found in any situation where an entrepreneur or a brand decides to give space to their customers’ feedback.

For example, Mr. Smith complains about how slow the team of a Firm he worked with, was to complete the project he commissioned. On the other side, the firm, knowing that the work took so much time to be completed because Mr. Smith added last – minute changes day after day. However, a reply along the line “We were late because of you changing your mind every other day!” isn’t going to be beneficial to the cause. Other users will likely read this answer as petty and defensive. 
Much better-writing something polite that recognise the delay, and vaguely explains what happened.
“We’re very sorry you aren’t 100% satisfied, and we’ll do our best to improve. Your project required many last – minute changes, and we wanted to give you the best version of it.” sounds much better than the first option. Nobody says you can’t defend your job, as long as you don’t become defensive. 
And yet, I saw even the best professionals slipping and snapping at least once after reading a particularly rude comment.
What can you do to avoid this situation?

Simple, do nothing! You don’t have to answer, reply, or worried — you need to save your time and energy for what you’re great at, doing your job.
Instead, hire an expert that will deal with these complaints about your business. It can be a single professional or part as a team like ours in Targeto, but the important thing is that it won’t be you:

  • As said, a professional digital marketer will save you time and the possible headache to deal with unpleasant situations. They don’t own your business, so they’re not as involved as you are, and yet they want you to succeed, so they will take care of all your clients.
  • Plus, a competent one will understand which problems feedback is enlightening about your business, and they will report them to you.
  • A survey enlightened that 83% of entrepreneurs who hired a third party to deal with feedback would make the same choice again, finding that professionals keep them adjourned while avoiding them the drama. 39% of these entrepreneurs also gave their marketers the power to decide if they want to provide a discount for a long — term customer complaining, or compensation in a form they think it’s acceptable.

This last consideration brings us straight to another important reason you have not to feel personally attacked by negative feedback: they can give you useful information about flaws or problems of your business that you’re unaware of. Think about it; feedback is the quickest way to realise how your brand is doing if it’s talking to the right audience, if your product is meeting the expectations. A less than positive feedback is unpleasant, and yet so useful. Checking how a brand is doing is one of the main reasons behind the questionnaires that big companies send you after a purchase: they want to check how their employees are doing, if the website and the social channels are responsive and what you think of it.

Keeping customers’ opinions in mind while doing a business is a great method for shaping a successful product.
And I’m not only talking about negative opinions. The focus is mostly on them because entrepreneurs find more difficult giving these clients a satisfactory answer, but you shouldn’t ignore the positive impressions.

In general, the rules are:

  • Write a thank you reply when someone takes the time to write something about your business.
  • Let them know you’ve shared it with your team, either to let them know the team is grateful for the kind words or that they’re working to improve
  • Use their names or whatever they use to sign their comments. A personalised answer is recognisable by tiny details like this one.
  • Avoid pre-written formula. Recent research found out that 49% of customers scroll past other comments to see if the words used in their reply has been already used. It doesn’t take that much time changing slightly answer to adapt to it, and the results are often a happier client.

When it comes to negative feedback, here it is how you — or your marketer — can proceed:

Apologise and show empathy to the reviewer

If the customer is right, the best way to act is by admitting the mistake and apologise. Don’t demand to have the last word and don’t let it became an online fight. Maybe the customer is excessive with their demands, but demonstrating sympathy, it will help to deescalate the situation. Customers usually value honesty and patience and, as we said, being sincere with yourself about whatever happened is an effective way of improving the engagement with a customer.

Use diplomacy

As we said, reading online criticism can make you feel uncomfortable or angry, especially if these comments are unreasonable or saying just part of the story. Put everything back in perspective. Think of it as a shop: once the transaction is over and the client has left your store, you can’t control what they’re going to say. Maybe you think they had a great experience, just to find out that they told people how terrible was the way you packed their purchase. The point is that you can’t control people’s opinions — and you have no right to do so — but you can control your answer. Online drama often backfires to the one that didn’t put an end to it, and you don’t want to be on that side. You’re online to do business, not to be meme material. A snapping response to an unsatisfied client will only make things worse. Be courteous, be polite, and answer quickly.

Fix the problem

Read what they have written and found a way to right the wrong. Customers want to know that you’re interested and invested in fixing the things not because they are writing a public post, but because you care for them, that for you a customer is a person, not a number of your register. Don’t be afraid to address whatever the customer is signaling you, and reassures them that your team is working on it — if this can be fixed — or that they’re reviewing the feedback. You can also offer a small compensation for the trouble if you feel it will further help you to relax the situation. It doesn’t have to be huge, but replacing a broken object or offering a voucher for their next purchase are appreciated gestures.

And if you have to fight back…

You were polite and tried to make the customer happy, but they don’t want to see reason. Not being adversary doesn’t mean letting people scream or insult you. Your best weapon, in this case, is to reply with a calm, warm post where you explain your brands’ values and why your team dealt with the situation as it did.

If I have convinced you how important it is to interact in the right way with a customer, why don’t you contact us as Targeto? If you want to strengthen your online presence managing in the right way your social channels, we’re the Digital Advertising Agency that can help you. Our team of highly qualified digital marketers is able to take care of your social channels, answer your customers, engage with them, and do everything necessary to make your brand shine above all others.

How Personal Branding Can Increase and Expand Your Business

First of all, what is this famous personal Branding?

There is a lot of talking around personal branding, but only a few people know exactly what it is, and how they can use it for their business’ purpose. 
Having a successful personal brand means that you have learned or discovered how you promote yourself, and consequently whatever business you’re running. Gaining this type of self — promotion it isn’t a task that can be accomplished in a couple of weeks. It requires a precise mix of experience, competence, and skills in what you do. The questions you should answer are:

  • What am I exceptionally good at in my field?
  • What does it make myself and my work unique?
  • What are the values that better defines who I am and what I do?
  • How am I different form the competition?
  • What is my positioning in the market?

You want the world — or at least the people in your field — knowing you, not because you require it to bow your presence, but because a professional as you are wants to make his business succeed. Moreover, for personal branding, the business that needs to succeed is your own persona.

Using personal branding in the right way means telling your story, your experience, your accomplishments, your passion and your succesful case studies.

The main goal of personal branding is making you stand as an authority in a specific branch.

If you can count on a team, like ours at Targeto, able to help you reaching this goal in the right way, defining who you are will be strictly connected on what you do. You have to put a unique sign on your work. It won’t matter if others offer the same service you do, because… well, they won’t be you, they won’t have strong characterisation.

You are the Authority of your field, the leader to follow and everyone is going to approach you to make business with you!

Think about it: corporates and Fortune 500 have their own branding, but it’s referred to an entire business, not to someone in particular. For example, you know that on Pinterest, you’ll find whatever type of image you can desire. That’s their brand: they offer you pictures that you can save and organise. However, you don’t know who is the person or the team that works to improve the pinboards. Their style can be unique, their work excellent, but at the end of the day, you don’t think about Team X, you think about how cool is Pinterest.

For an entrepreneur, having a strong personal brand determines to have the opportunity to attract both customers and general recognition of their skill. When their audience thinks about them, they know what this person does well, where they can be found, why it’s worth having business with them or listening to them. They’re not, Person X!
Now, speaking professionally, your brand is the perception that an audience has of you. It’s a combination of what people find about you online, what your business does, what type of interaction you have with others.

Before the Internet Era, having a personal brand for many people who weren’t politics or working with traditional media, revolved around having a portfolio of works and a well — crafted business card.

Today, business card has been substituted by the websites, and people want to find your portfolio online. It’s easy to reach, anyone, anywhere, at any time.

Time changed, and so did personal branding.

Here are some reasons you should take into account when pondering if you need to build or strengthen your personal brand:

  • Simply being online, having a “nice” website isn’t enough anymore — your profile and work’s value risk to get lost among the hundreds of voices that ask to be listened to.
  • Defining who you are as a business and what you do better or in a more effective way than others helps you to establish a unique identity in the same field where your competitors work. In this way, whoever will want the particular service you offer will know that you are the person they should look for.
  • You want to identify and know your ideal audience, and you want to match their beliefs or needs, since, let’s say this once more, you need personal branding to improve your business.
  • Ironically, to do so, you need to distance yourself from a behaviour too much sale — oriented. You want to offer more than a simple cold call for a purchase. Because nowadays what it works better is the offer of an entire experience — read more about this point here.

However, how is personal brand built? What helps people recognising you as an authority in what you do? Let’s see:

  • Hire a professional to design your logo. Now that even Google research shows the logos next to the websites’ titles, a personalised logo is a vital necessity to help people associated you quickly with the business you’re conducting.
  • Select a range of matching colours and fonts that will be associated with your business and use that. It’s an excellent help for customer’s memory, knowing which aspect your website and social channels generally have. For example, if you see a white “f” on a blue background, you know that’s Facebook’s logo. And you also know that Apple builds its channels using a considerable quantity of white background and minimalistic approach.
  • Act matching the expectations of the audience you want to appeal. For example, if you’re going to sell your vegetarian cooking course, sharing on your social channels — the official ones you use for work — photos of yourself cooking bacon or showing your support for the Meatballs Festival is going to put your audience off. The values your brand carry are your manifesto, and to be sure to acquire and don’t lose customers, those are the rules you need to follow.
  • Remember that social branding follows you in your everyday life. This aspect shouldn’t be a huge problem, because you don’t want to lie to your customer since in the Internet Era you’ll be quickly discovered and damaged by it. It’s legit for them expecting someone that wants to attract customers in a specific pool would adhere to at least the significant values of that audience. Think about the damage — and the drama — that derive when some politic is discovered acting against the values they promote in their party. If you want the votes of foreigners living in your Country, you shouldn’t talk about closing borders or building walls. Same for a brand. If you own a chain of hotels and want to attract families, family-friendly spaces and activities are a must have in your buildings.

As you can see, personal branding gives you the power to improve your business while becoming a prominent figure in your field.

This improvement means that your advantages won’t be only about money and profit, but also in terms of recognition. Become an influential voice and your business’ prosperity will follow accordingly.

Now, you can also see that building and/or developing a personal brand isn’t a journey a busy entrepreneur can make alone. It requires time and tactic building a proper stage where to show online what you can do and how well you can do it.

For this reason, Targeto, our Digital Advertising Agency, offers, among other services the possibility to implement your personal brand, if you have one, or to improve it.

You can find all the details here and if you’re not sure, why don’t you schedule a free session with our team of experts? It’s free, you can pick whatever time is more suitable for you and will answer to all your questions. Click here!

Not doing Content Marketing? Make it part of your digital marketing strategy today!

Nowadays we are used to encounter many ads per day. Researches estimate we’re talking of 4000–5000 ads per person, between online advertising and traditional media, via television, radio, newspapers, fliers, etc…

If we think about how many of these we remember more clearly, we realize that are the ones who were giving a message we cared about and that it was linked to our interests.

This is what content marketing aims to: engage and create interest in the targeted audience. Of course, the trick is not forgetting to advertise whatever product we want to place on the market. Since customers remember better what they like, content marketing focuses on enlightening the products’ aspects that could interest more our targeted audience.

We can say that content marketing is a cornerstone on where digital marketers build their strategy.

Besides other pros that we’ll analyze soon, there are two major points we should consider when thinking about this type of marketing.

First of all, content marketing generates more interest in our brand and makes it easier for companies and buyers to connect. Thanks to social channels, for example, potential customers can find information about a specific product, but they can also interact with the seller. Users can ask questions or give us their impressions, and part of the content marketing’s goal is to let them know we heard them, and we have the answers.

Second, the type of content we pick and spread online shapes the opinion that customers will build about our product/brand. Content marketing gives us the occasion to choose how we will be perceived and to act accordingly. For example, we can determine what speech pattern is better to appeal to our customers, what news about our brand is the most engaging and so on.

That means we have all the interest in creating a content that is:

  • Educational about the out product: what can we offer to a potential customer? What’s the value of our brand? Why should they pick us? We want our brand to build a connection based on trust with our customers. Digital marketing general’s goal isn’t to be artistic, but to sell something. This means that focusing on the aesthetic forgetting the content isn’t the right route to follow. We want to impress the audience in a way that makes them returning as customers. Building an effective ad means not letting the core message — buy our product — being overshadowed by the rest of the announcement. An excellent example of these are many, many ads that are witty, fun, or merely pleasant to watch, but in the end, we are unsure what type of product they’re sponsoring. A good case was an ad starring a famous actress jumping around and telling us how beautiful life is. Many people thought she was advertising makeup or a face cream due to the numerous close-ups used. Instead, she was advertising perfume. This type of misunderstanding is exactly what you want to avoid.
  • Engaging: we don’t want to bore the customers, but to intrigue them. Since we know our audience and what type of customers we’re trying to reach for is interested in, let’s talk with them about our offer. Let them know they’re valued and we care about their opinion and experience with our brand. It’s proved that customers who feel they’re seen not only as buyers but also as people tend to be more interested in a specific product and whoever is producing it. As you can read in this article, traditional marketing needed to evolve once the Internet era arrived. Doing proper digital marketing isn’t merely sponsoring a product for an online audience. It’s moving from the offer of a product to the offer of a whole experience. Customers are not going to purchase an object, but are going to engage with brands and their values.
  • SEO oriented: Search Engine Optimization is our best friend to promote our business. Hiring an SEO copywriter to write the content means having a text improved for being tracked by the search engines. So said, having our optimized content means it will be spread more largely and more potential customers are going to see it. Writing a compelling SEO oriented message requires to hire professionals who can write using the right words to be found by the search engines.

So, we saw that content marketing helps our digital marketing strategy to increase our sales and better interact with the audience helping us to convert it in customers.

Organising a digital campaign with solid content in it, offers a lot of advantages in terms of conversion visitor — buyer.

However, there are others it’s worth mentioning:

  • As you can read here the use of Ads Blockers has increased drastically. People want to interact with what they find valuable or interesting, as long as it’s more than a simple invitation to spend. More meaningful content we have, more people will be glad to read it and search for it. Contacting professionals is the right move to do to ensure that we won’t get lost producing appealing material that forgets to mention or give the proper importance to the product we want to promote. As we already said, we want to sell and engage in finding the right balance between these two topics.
  • People’s attention span is between 37 and 45 seconds at best. That’s the time we have to impress enough a customer to convince them to know us better. And this is also why you need to hire a team able to orchestrate the right digital marketing campaign pushing the content marketing to both promote your product and create something your future customers can relate to. Highly customisable content is the online version of excellent customer service. There is strength in numbers, but we can gain said numbers making every follower — and hopefully potential buyer — feeling valued. If we want people to listen to us we have to give them a valid reason to do so.
  • We need to take care of our social media! Sometimes, entrepreneurs mistake their social media pages approaching them as a simple way to use to redirect their audience to the main blog, when not a one-for-one replica of their normal website content. Every social channel is unique, and it counts on its audience. This audience is used to that social channel’s usual approach. A team of professionals can take advantage of it studying the best way to articulate posts and sending messages. Sure, redirect people to a website where they can buy the product is the core of this operation, but intriguing the audience is a better move than just a vague invitation to visit the website.
  • Also, in this article, we can see that it is worthy of investing in paid ads as long as professionals are taking care to build them for us. Content marketing improves the digital one enriching it with more than selling information. It enlightens why your product is unique, and it makes having a return from your invested money faster. Researches have also shown how who decides to use content marketing can count on conversion rates that are nearly six times higher than their competitors. Now, what does this mean in terms of return of investment? Simply that more traffic equals more viewers for your paid ads. More viewers mean the real possibility to convert users in customers.

More and more businesses and entrepreneurs are realising that it’s difficult to keep the balance between the wish to promote their product, engage with their future or actual customers, and having a return from their investments.

However, we can have the best content marketing in the world, and yet the advertising we paid for isn’t obtaining the views we hoped. This could happen because content marketing isn’t supported by the right paid ads strategy or is not targeting the audience that it should. Or simply, the brand needs more visibility.

Our team at Targeto can help you! We are a Media Buying Agency the purpose of which is to push your paid ads through the best channels for them. We’re going to help you to monitor the results and to improve them thanks to a data-driven approach. Contact us for a strategy session, it’s free!

Cos’è un Marketing Funnel e Perché Ti Serve Ora

Diciamolo subito: se hai un business e vuoi riorganizzare una campagna di marketing digitale per ampliare il giro dei tuoi affari, avere un Marketing Funnel è imprescindibile.

Come ho già detto altro volte in questi articoli, oggigiorno essere online non significa granché se il tuo contenuto non è messo in evidenza da un’appropriata strategia di marketing. È vero, sei online, ma così come te lo sono anche i tuoi concorrenti. Perché un cliente dovrebbe scegliere il tuo brand anziché quello di un altro? Probabilmente, mi risponderai “Perché conosco il mio mestiere, e so farlo bene.”
È una buona risposta, ma come può un potenziale cliente sapere chi sei in quanto imprenditore e soprattutto come trovarti? Ancora più difficile, come puoi convincerlo a fare affari insieme se tutto ciò che gli offri è un freddo annuncio pubblicitario? Essere davvero online, in una maniera che porti profitto al tuo brand, richiede ben più di un buon sito web o di una generica pagina Facebook.

Fin troppe volte incontro aziende che sembrano avere una presenza online professionale e ben costruita, ma che lamentano come nonostante ciò i loro strumenti digitali non li aiutino nella crescita economica. Ecco, questo è il diretto risultato di una mancanza di pianificazione di contenuti con chiari obbiettivi.

Oggi, quello che ti serve veramente, è un Marketing Funnel chiaro e efficace nel creare un percorso che porti un utente a diventare un tuo cliente.

COS’È UN MARKETING FUNNEL?

Purtroppo, non esiste una tecnica di marketing che convertirà ogni singolo utente casuale in un fedele cliente per il tuo business – mi spiace, per quello l’unica via è un bel po’ di lavoro. Ciò che ti è possibile usare, invece, è una strategia che faccia crescere esponenzialmente l’interesse nei tuoi utenti, conducendoli in un percorso riassumibile in tre passi: Consapevolezza, Giudizio, e Conversione. Questo compone un Marketing Funnel.

Le compagnie al giorno d’oggi hanno la necessità di costruire il viaggio per un utente seguendo questi passi:

  • Da utente a lead: tu sei online, il tuo brand è online, e se hai lanciato una campagna di digital marketing efficace, moltissimi utenti vedranno che tipo di prodotti o servizi il tuo brand offre. La fetta di utenti che ti lascerà il loro contatto – in molti casi l’indirizzo email – perché vogliono ricevere offerte o informazioni diventa ciò che si chiama lead.
  • Da lead a cliente: purtroppo, nont tutte le tue lead diventeranno poi clienti. Alcuni non potranno permettersi i tuoi servizi, altri semplicemente non saranno interessati, o cambieranno idea, e così via. Tuttavia, le lead interessate ad avere un rapporto d’affari conte, diventeranno i tuoi clienti.

Per raggiungere questi nuovi clienti, tu – o meglio, noi, il tuo dipartimento esterno di makreting – ti troverai a dover:

  • Creare Consapevolezza: uno degli scopi di una campagna di digital marketing è di trovare il pubblico giusto per il tuo prodotto, e conseguentemente di illustrare loro le principali informazioni riguardo a ciò che vorrebbero acquistare da te. Questo tipo di interazione è il primo contatto tra una potenziale lead e un’azienda, nonché la tua occasione di convincerli a proseguire allo step successivo.
  • Generare Interesse: ti trovi a dover convertire un utente causale in una lead. Acquisire questo tipo di contatti richiede una meccanica del tipo “Magnete – Offerta”, cioè qualcosa che catturi l’attenzione. Può trattarsi di contenuti gratuiti, uno sconto speciale, o qualsiasi cosa possa convincere le tue potenziali lead che non li inonderai con email spam o fredde trovate pubblicitarie, ma che fornirai loro contenuti degni della loro attenzione.
  • Convincere la lead a prendere una decisione: ora che l’utente ti ha dato i suoi contatti diventando quindi una tua lead, bisogna persuaderlo a fare affari con te. Email e offerte mirate sono un ottimo strumento per mettere in luce i vantaggi di averti come partner commerciale. Puoi mostrare alle tue lead contenuti attinenti a quelli da loro già visitati nel tuo sito web, purchè siano contenuti che aggiungano valore alla tua proposta. In questo modo, otterrai il doppio risultato di convincerli a comperare da te, evitando al contempo di vincere un posto al sole nella casella Spam.
  • Agisci: è fatta, hanno comprato da te. Congratulazioni! E ora? Ora bisogna lavorare per evitare che se ne vadano una volta concluso l’acquisto. Come molti altri imprenditori, sicuramente ti alletta l’idea di creare una base di clienti fedeli e felici di fare acquisti presso il tuo brand più di una singola volta. Quindi, dopo la prima vendita, è tempo di persuaderli a diventare clienti fissi e, perché no?, parlare bene del tuo brand ad altri potenziali clienti.

Tutte le azioni di cui abbiamo parlato finora determinano la buona riuscita del tuo Funnel. Ritengo che a questo punto sia chiaro che un Marketing Funnel è precisamente lo strumento che ti è necessario per acquisire nuovi clienti, interagendo con gli utenti che sono genuinamente interessati a fare affari con te, ovvero le lead che ti daranno i loro contatti.

Tuttavia, se hai ancora dei dubbi sulla necessità di costruire il tuo Marketing Funnel, permettimi di illustrarti gli altri vantaggi che il Funnel porta.

Un Marketing Funnel aiuta a comunicare con gli utenti online

Spesso un imprenditore ritiene di star comunicando efficacemente con il suo pubblico di riferimento, non realizzando che magari sta comunicando in un linguaggio troppo tecnico, o non sta usando il pieno potenziale del suo materiale promozionale. Analizzare ciò che hanno in comune le lead aiuta un imprenditore lungimirante a modellare in maniera più efficace le comunicazioni del suo brand. Una volta che, grazie al Funnel, avrai un quadro più chiaro su che tipo di lead formano la tua audience, potrai studiare offerte ancor più mirate per invogliarli al passo successivo. In poche parole: se tutte le tue lead diventano tali dopo aver visitato il tuo sito Internet, mentre solo alcune ti danno i contatti dopo aver visitato i tuoi canali social, sai con certezza che il tuo sito sta lavorando a pieno ponteziale, mentre devi rinforzare la tua presenza social.

Un Funnel ti aiuta a modellare la tua Strategia di Marketing

Un marketing funnel è indispensabile per controllare che strumenti di marketing o quale tipo di approccio ti serve per far prosperare il tuo brand. Inoltre, se ti vuoi focalizzare su un passaggio particolare del funnel – per esempio, se vuoi convincere le lead a fare un acquisto diventando quindi clienti – puoi organizzare la tua campagna di digital marketing di modo che miri al segmento di pubblico che si trova a un punto ben preciso del funnel.

Per usare al meglio il tuo marketing funnel, c’è anche un altro passo che dovresti considerare di compiere: evitare che il funnel si chiuda a un certo punto. Per capirci, guarda l’eccellente esempio che è la Apple nel modo in cui approccia i suoi clienti.  Dopo che essi hanno acquistato da questo brand, l’esperienza non si conclude con l’emissione dello scontrino:

  • Lealtà: questi clienti sono persuasi a rimanere fedeli al brand, acquistando tecnologia quasi esclusivamente da loro, grazie a una serie di offerte e servizi complementari. Per esempio, posso consultare gratuitamente un professionista Apple rivolgendosi al Genius Bar, o approfittare di uno sconto speciale durante le festività. Negli anni Apple ha saputo costruire un sistema che – piaccia o meno – fa sì che i clienti entrino e si sentano parte di una vera e propria Comunità
  • Propaganda: sia i clienti di lunga data che quelli più recenti fanno ora parte di un gruppo che gli piace perché li fa sentire apprezzati in quanto compratori, offrendo al contempo prodotti di alta qualità. Eccoli dunque diventare ambasciatori di questo brand presso i loro amici e conoscenti, nel mondo reale e in quello digitale. La lezione che ne traiamo è che offrendo ai tuoi acquirenti abbastanza motivi per fidarsi di te e del tuo brand, per ritenere eccellente il tuo servizio clienti, non solo diamo alle persone valide ragioni per tornare – e i guadagni veri accadono quando un cliente resta con te – ma anche per parlare di noi in maniera positiva presso terzi. Terze parti che noi vediamo come altri potenziali clienti.

Ora che hai un quadro completo di cosa sia un Digital Marketing Funnel, ti starai forse chiedendo quali azioni devi intraprendere per costruire il tuo. Non c’è problema, clicca qui per vedere come noi di Targeto siamo pronti all’azione. Come puoi vedere dal link, affidarsi alla nostra Agenzia significa affidarsi a un team di specialisti nella creazione di funnel per ogni necessità, azienda, o imprenditore che voglia investire nel consolidamento della propria carriera. Se vuoi parlare direttamente con noi, in maniera del tutto gratuita e senza impegno alcuno, prenota una sessione strategica online con il nostro team di esperti. Non vediamo l’ora di collaborare con te!

https://cdn-images-1.medium.com/max/1600/0*Zf_guStPVUlJ-Cyk

Come scrivere e-mail personalizzate che convertono gli utenti in clienti

Niente come qualcosa o qualcuno che ci riconosce ha il potere di attirare la nostra attenzione.

Dal nostro assistente vocale che ci saluta, all’avere le nostre preferenze salvate automaticamente durante la navigazione su eBay, vedere il nostro nome o nickname è una mossa che cattura la nostra attenzione digitale.

Quando i digital marketer pensano a come orchestrare una campagna online, hanno due nemici da sconfiggere: la cartella spam e il senso di fastidio che un cliente può provare nel vedere una email commerciale nella sua casella di posta elettronica. Come si può risolvere questo problema?

Ci sono tutta una serie di passi che si possono compiere per evitare entrambi i problemi di cui sopra. Vediamo cosa può fare un digital marketer per far sì che i clienti si sentano apprezzati quando ricevono e-mail di stampo promozionale:

– Raccogliere i dati personali: quando qualcuno si iscrive alla nostra newsletter o compila un modulo per accedere ai servizi che stiamo vendendo, ci sono alcuni dati che vengono richiesti. Nome, cognome, data di nascita sono informazioni che possono aiutare un marketer a comporre un’email personalizzata. Può sembrare un passo ovvio da compiere, ma rivolgersi a qualcuno con il nome o il nickname indicato, è un passo fondamentale per dargli il benvenuto a bordo. Un semplice “Ciao, Frank” ha più appeal di un generico “Ciao!”. Inoltre, assicurati di includere e scrivere su argomenti che i tuoi utenti hanno già visualizzato in passato. È dimostrato che quando invii un’e-mail contenente suggerimenti su prodotti simili a quelli che i clienti hanno già acquistato o cercato, oltre il 90% dei potenziali acquirenti si sentono più propensi a visitare nuovamente il tuo sito web. A causa delle nuove norme sulla privacy – ma dovrebbe essere una pratica standard – dobbiamo prestare particolare attenzione ai dati che raccogliamo e utilizziamo per scrivere una email personalizzata. Un marketer competente non vuole che il brand per cui lavora venga percepito come uno spione. E questo ci porta direttamente al secondo punto.

– Monitorare le attività degli utenti: è fondamentale sapere cosa cercano principalmente gli utenti nel tuo sito web, perché è un dato che puoi usare per creare e-mail basate su queste informazioni. Mentre monitori quali parti del tuo sito web e della tua campagna digitale stanno lavorando per conquistare nuovi utenti, è utile per indagare quale parte del tuo sito web sta invece avendo una performance al di sotto delle aspettative. È un’occasione per discutere e rafforzare quelle parti della campagna digitale che non funzionano come si desidera. Raccogliere questo tipo di dati sul traffico online, sul target e così via, è un compito per professionisti specializzati, e quindi è saggio assumere qualcuno che se ne occupi. Il motivo è semplice: tu vuoi sapere cosa piace ai tuoi clienti, per essere in grado di offrire loro contenuti il più pertinenti possibile. Allo stesso tempo, non vuoi che i potenziali acquirenti si sentano spiati o perseguitati. Personalizzare un’e-mail significa sapere che la signora Rossi è alla ricerca di un libro che tu puoi venderle e, nell’email che le invierai, non vuoi farle sapere che l’hai “vista” dare un’occhiata ad ogni sezione del tuo sito web in cui si parla della vendita di quel libro. Inondare la casella di posta elettronica della signora Rossi con tonnellate di e-mail per ogni ricerca che ha fatto, farà solo etichettare il tuo brand come fastidioso, facendogli vincere un posto speciale nella cartella Anti Spam.

-Fai Attenzione: come sai, il diavolo è nei dettagli. Quando contatti un cliente per promuovere il tuo prodotto, vuoi dirgli che proprio tu hai il prodotto perfetto per le sue esigenze. È importante iniziare nel modo giusto. Abbiamo detto che rivolgersi all’acquirente con il nome/nickname è una buona mossa per interagire con lui o lei, offrendo al tempo stesso un qualche tipo di sconto o più informazioni sulla vendita che speri di concludere. Tuttavia, una delle cose più importanti è quella di controllare l’e-mail che si sta per inviare e assicurarsi che non contenga errori. Perchè non assumere un copywriter che si accertarti che le tue email abbiano un aspetto personalizzato e non solo automatizzato? È possibile – e si dovrebbe – utilizzare strumenti di automazione per inviare e-mail, ma certamente tu desideri evitare che le frasi appaiano scritte da un automa.

-La semplicità è una virtù: nessuno vuole aprire un’e-mail da un imprenditore o un’azienda ed essere travolto da un flusso enorme di parole. Il tuo messaggio deve essere semplice e chiaro. Perché stai scrivendo? Cosa vuoi promuovere? Hai meno di un minuto per attirare l’attenzione dei potenziali acquirenti e far loro sapere che hai pensato al contenuto più adatto a loro. Non puoi includere tutto quello che vuoi dire sul tuo prodotto, quindi scegli la sua qualità più famosa, la sua convenienza, o qualsiasi cosa renda il tuo brand unico. Parlando di chiarezza, potresti trovare la necessità di suddividere il tuo target abituale in diversi gruppi – diciamo età, Paese, interessi e così via. Questa operazione può essere particolarmente utile quando si cerca di scrivere più e-mail per clienti diversi. Sai cosa hanno in comune queste persone e quindi sai anche come parlare con loro.

C’è un’altra parte della strategia di digital marketing in questo campo che dovresti tenere a mente, mentre discuti la campagna con il tuo team di professionisti. Fino ad ora, abbiamo parlato di cosa si può fare per comunicare via e-mail con il pubblico senza infastidirlo.

E riguardo a cosa possono fare i clienti quando ricevono le tue email?

Ci sono diverse cose che puoi fare per rendere la tua e-mail più interessante:

– Chiedi direttamente agli utenti cosa vogliono ricevere: quando i potenziali clienti si iscrivono alla tua mailing list, puoi strutturare il modulo che devono compilare, dando loro la possibilità di selezionare il tipo di contenuto che sono interessati maggiormente a ricevere.

– Puoi rendere interattive le email: includi link che portino i clienti nell’area del tuo sito web che hanno visitato in precedenza. Puoi chiedere le loro opinioni tramite sondaggio, o ottenere un feedback allo stesso modo. Non solo questo è un metodo utile per capire se il tuo messaggio raggiunge il tuo target come tu ti auspichi, ma fai anche sapere ai tuoi clienti che ti interessa la loro opinione.

Un team di professionisti ti aiuterà anche a decidere quale frequenza di invio le e-mail dovrebbero avere, e quale tipo di messaggio può essere più utile da spedire. Possono anche aiutarti a fissare un obiettivo realistico in termini di interazione e ritorno del tuo investimento.

Dunque, abbiamo visto che le email dovrebbero essere attraenti per i clienti, personalizzate, non una mera occasione di vendita, amichevoli ma al contempo professionali.

C’è qualcos’altro che dovresti sapere?

Vale la pena aggiungere che il modo migliore per ottenere una risposta dalle e-mail inviate è quello di raccontare una storia. Le persone hanno poco interesse a parlare con un mero venditore, ma le puoi coinvolgere creando un contenuto che spieghi qualcosa in più sul brand o sul prodotto. Sta a te decidere se vuoi raccontare della tua attività, o se scegliere un argomento che godi di grande visibilità online. La cosa importante è non dimenticare che oggi la gente vuole più che semplici informazioni. I clienti – o potenziali tali- visitano il tuo sito web per informazioni specifiche sui prodotti, ma è necessario indirizzarli lì dando loro più di un mero catalogo. Devono godersi un’esperienza – e parlando di questo approccio, puoi leggere di più in questo articolo.

Per esempio, diamo un’occhiata a come un’e-mail non dovrebbe mai essere scritta:

Ci#o!

Grazie per aver visitato il nostro sito Internet mercoledì. Ci dispiace molto che tu non abbia compprato nulla – ma abbiamo visto che hai cercato a lungo un libro su Digital Marketing & New Media.

È un peccato, abbiamo tonnellate di libri che siamo sicuri che apprezzerai, che ne dicidi questi?

Storm of Love, di J.K Lovely

Lady Kathy troverà l’amore della sua vita? Dall’autore di Amore Proibito, un’altra storia piena di mistero e passione.

Come diventare milionario vendendo biscotti, di G. Man

Nella sua autobiografia, il milionario G. Man vi spiegherà come raggiungere il successo nella vostra sfera professionale e personale.

Come utilizzare i social media senza PC, di A. Turing

Vi siete sempre chiesti come guadagnare ancora più soldi grazie a un singolo post arguto? Questo libro ha le risposte.

Ci auguriamo che ti piacciano i nostri suggerimenti, ci vediamo presto sul nostro sito web!

Non c’è bisogno di essere un esperto per sentire un brivido scorrere lungo la colonna vertebrale. Immagina di accedere alla tua casella di posta elettronica e trovare questa e-mail. Un’e-mail che ti dice esattamente quando hai cercato un particolare articolo, come se il Grande Fratello stesse comunicando con il cliente. Niente immagini, solo parole. Errori. Un carattere sbagliato nel saluto, che tra l’altro è senza nome. Nessun link che il cliente possa utilizzare per essere rapidamente reindirizzato a un sito web. E, peggio ancora, a malapena una su tre delle opzioni della lista potrebbe vagamente interessare l’utente. 

Non solo questa e-mail non è interattiva o interessante, ma ha anche vinto un posto speciale nella cartella Anti Spam. Questo è solo un esempio, ovviamente, ma tutti abbiamo ricevuto un messaggio simile. Un testo scritto in questo modo non ha alcun valore: non parla di un prodotto a cui il cliente potrebbe essere interessato, non offre offerte o informazioni utili, e non rende più accessibile ad un utente raggiungere questa azienda immaginaria. Se qualcuno l’avesse scritto nella realtà, sarebbe stato uno spreco di tempo e denaro.

Come avrebbe potuto essere più attraente la composizione di questa e-mail?

Ciao Davide,

Grazie mille per esserti iscritto, siamo entusiasti di averti con noi!

Pensiamo che tu possa essere interessato a conoscere le nostre nuove offerte:

20% in meno su tutti i libri acquistati durante il fine settimana

Spedizione gratuita per il tuo primo ordine

E non farti sfuggire la nostra nuova selezione di libri sul Marketing!

Come diventare marketer, di S. Kido

Marketing digitale e dintorni, di H. Crystal

Per saperne di più clicca qui: www.books4you.com

La differenza è enorme, e questa e-mail è stata scritta seguendo le semplici regole di cui abbiamo parlato precedentemente in questo articolo.

Se vuoi un esempio reale, invece, dai un’occhiata alla pubblicità di Headspace. Il messaggio che questa app intende trasmettere è chiaro, ben scritto e molto piacevole da guardare. Tutte le informazioni di cui hai bisogno sono in questa singola e-mail:

https://cdn-images-1.medium.com/max/1600/0*Zf_guStPVUlJ-Cyk

Credits: mailbakery.com

Abbiamo visto un paio di esempi.

Cos’altro dovresti sapere? Dunque, vediamo:

-Personalizzare le email può sembrare un sacco di lavoro da svolgere, ma grazie a strumenti come AWeber e Cakemail, e la presenza di agenzie di comunicazione, il tuo lavoro è molto più facile di quanto non fosse in passato.  Basta ricordare che il business online è un business come tutti gli altri. Meglio assumere dei professionisti, per avere certezze riguardo a un ritorno del tuo investimento.

-La prima e-mail è importante per attrarre e interagire con il cliente, ma è necessario mantenere costante il suo interesse, se si vuole anche mantenere un flusso di vendita. Quindi, sì all’invio di follow-up dopo un acquisto, o al ricordare loro di promozioni in corso, o anche a una semplice e-mail per spiegare come altri clienti abbiano risolto i loro problemi grazie al tuo servizio.

-Tieni presente che le e-mail non sono solo un modo per cercare nuovi clienti, ma anche per far conoscere i valori e le qualità del tuo brand. Quindi, usa il content marketing! Non sei sicuro di cosa si tratta? È possibile trovare tutte le informazioni in questo articolo.

Alla fine, le e-mail sono solo un altro, potente strumento per espandere il tuo business, ma da grandi poteri derivano grandi responsabilità! Una persona non può semplicemente improvvisare le competenze essenziali a organizzare una campagna di digital marketing, e non è facile gestire una mailing list che tiene impegnati gli acquirenti evitando di sommergerli con messaggi indesiderati. 

Non preoccuparti, a Targeto ti copriamo noi le spalle.

Se vuoi avere un ritorno dal tuo investimento – e stiamo parlando sia di soldi che di tempo – la nostra Media Buying Agency è la scelta giusta. Affidarsi a un team di professionisti è la mossa intelligente, ma questo non significa che non avrai voce in capitolo. Siamo qui perché vogliamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi e dare visibilità al tuo business.Puoi trovarci qui o, se vuoi un assaggio di ciò di cui siamo capaci, puoi programmare una sessione di strategia gratuita qui.

Personal Branding: Come È Capace di Accrescere i Profitti ed Espandere il Business

Prima di tutto, cos’è questo famoso personal branding?

Si parla molto di personal branding, ma solo poche persone sanno esattamente di cosa si tratti, e come lo possono sfruttare per espandere o rafforzare il loro giro d’affari. 

Avere un personal branding di successo significa che hai imparato o ti è stato mostrato come poter promuovere la tua immagine, qualunque sia il business che stai gestendo al momento. Ottenere questo tipo di auto – promozione non è un obbiettivo che può essere raggiunto in un paio di settimane. Per far sì che ciò avvenga, bisogna saper usare un preciso mix di esperienza, competenza e abilità nella costruzione del proprio branding. Le domande a cui devi innanzitutto rispondere sono:

Quando si tratta del campo in cui opera, in cosa sono eccezionalmente bravo?

Cosa rende unici me, come imprenditore, e il mio lavoro?

Quali sono i valori che meglio definiscono chi sono e cosa faccio?

In che modo sono diverso dalla concorrenza?

Qual è il mio posizionamento sul mercato?

Vuoi che il mondo – o almeno le persone che lavorano e acquistano all’interno del tuo settore – ti conosca, non perché tu abbia bisogno di chissà quali riconoscimenti speciali, ma perché un professionista come te vuole che il suo business ottenga ottimi risultati. Nel campo del personal branding, il business che deve avere successo sei tu in persona.

Usare il personal branding nel modo giusto significa raccontare la tua storia, la tua esperienza, ciò che hai realizzato, la passione che muove il tuo lavoro, e i casi in cui hai ottenuto il maggior successo.

L’obiettivo principale del prsonal branding è quello di farti diventare un’autorità in un ramo ben specifico.

Se puoi contare su una squadra, come la nostra su Targeto, in grado di aiutarti a raggiungere questo obiettivo nel modo giusto, definire chi sei sarà strettamente connesso a quello che fai. Devi far sì che il tuo lavoro sia unico, in modo da essere facilmente riconoscibile. Non importa se altri offrono lo stesso servizio che proponi tu, perché … beh, non sono te, la loro caratterizzazione non sarà forte come la tua.

Tu sei l’Autorità del tuo campo, il leader da seguire, e tutti ti avvicineranno per fare affari con te!

Pensaci: le aziende e le Fortune 500 hanno il loro marchio, ma si riferiscono a un’intera azienda, non a qualcuno in particolare. Ad esempio, sai che su Pinterest troverai qualunque tipo di immagine desideri. Questo è il loro brand: ti offrono immagini che puoi salvare in appositi gruppi, organizzati secondo i tuoi interessi. Tuttavia, non sai chi è la persona o il team che lavora per migliorare le bacheche su Pinterest. Il loro stile può essere unico, il loro lavoro eccellente, ma alla fine della giornata, non pensi al Team X, pensi a quanto sia bello navigare tra le bacheche di immagini di Pinterest.

Per un imprenditore, avere un forte personal branding determina il guadagnare un accesso privilegiato sia nell’attirare sia clienti sia nel guadagnare il riconoscimento generale delle loro capacità imprenditoriali. Quando il pubblico pensa a quel tipo di imprenditore, sa che tipo di eccellente servizio questa persona offre, dove può essere trovata, perché vale la pena fare affari con lui o lei, o anche solo perché vale la pena ascoltarli. Quesiti imprenditori hanno un’identità precisa, non sono un volto tra tanti!

Ora, parlando professionalmente, il tuo marchio è la percezione che il pubblico ha di te. È una combinazione di ciò che le persone reperiscono su di te online, di cosa la tua attività si occupa, che tipo di interazione hai con gli altri.

Prima dell’epoca di Internet, avere un personal branding per molte persone che non erano in politica o che non lavoravano con i media tradizionali, si riduceva ad avere un portfolio di lavori svolti da mostrare, e un biglietto da visita ben studiato.

I tempi sono cambiati, e così è stato per il personal branding.

Oggi il biglietto da visita è stato sostituito dai siti web e i potenziali clienti o i tuoi colleghi vogliono poter accedere al tuo portafoglio online. È facile da raggiungere, da chiunque, ovunque, in qualsiasi momento.

Ecco alcuni dei motivi che dovresti prendere in considerazione quando mediti se hai bisogno di costruire o rafforzare il personal branding:

  • Essere semplicemente online, avere un sito web “carino” non è più sufficiente: il tuo profilo e il valore del tuo lavoro rischiano di perdersi tra le centinaia di voci online che chiedono di essere ascoltate.
  • Definire chi sei come business e cosa tu faccia meglio o in un modo più efficace di altri, ti aiuta a stabilire un’identità unica nello stesso campo in cui lavorano i tuoi concorrenti. In questo modo, chiunque vorrà il particolare servizio che offri saprà che sei tu la persona che dovrebbero cercare.
  • Vuoi identificare e conoscere il tuo pubblico ideale, e vuoi capire bene le loro convinzioni o esigenze, dal momento che, diciamolo ancora una volta, hai bisogno del personal branding per migliorare il tuo giro d’affari.
  • Ironia della sorte, per fare ciò, è necessario prendere le distanze da un comportamento troppo orientato alla vendita. Devi mirare a offrire ben più di un semplice invito ad acquistare. Perché al giorno d’oggi ciò che funziona meglio è l’offerta di un’intera esperienza.

Tuttavia, come viene costruito un personal branding? Cosa aiuta le persone a riconoscerti come un’autorità nel tuo campo? Vediamo:

  • Assumi un professionista che si occupi di disegnare il tuo logo. Ora che anche la ricerca di Google mostra i loghi accanto ai titoli dei siti web, un logo personalizzato è una necessità vitale per aiutare le persone ad associarti rapidamente con il business che stai conducendo.
  • Seleziona un gruppo di colori e caratteri che saranno associati alla tua attività, e utilizzali per ogni pubblicità o comunicazione. È un aiuto eccellente per la memoria del cliente, sapere quale aspetto hanno in genere il tuo sito web e i canali social. Ad esempio, se vedi una “f” bianca su sfondo blu, sai che è il logo di Facebook. E sai anche che Apple ha costruito la sua presenza online utilizzando una notevole quantità di sfondo bianco, e un approccio minimalista.
  • Agisci corrispondendo alle aspettative del pubblico che vuoi trasformare in clienti o con cui vuoi un’interazione. Ad esempio, se hai intenzione di vendere il tuo corso di cucina vegetariana, condividere sui tuoi canali social – quelli ufficiali che usi per lavoro – le foto di tu che grigli una costata, o che dimostri il tuo sostegno alla Sagra della Polpetta, non ti aiuterà di certo nella vendita perché il tuo pubblico ha valori diversi da quelli che tu sembri promuovere. I valori associati al tuo marchio sono il tuo manifesto, e per essere sicuro di acquisire e non perdere clienti, quei valori devi rispettare.
  • Ricorda che il social branding ti segue nella tua vita quotidiana. Questo aspetto non dovrebbe essere un problema enorme, perché non vuoi certamente mentire al tuo cliente, specialmente visto che nell’era di Internet sarai presto scoperto e danneggiato. È legittimo che questi potenziali clienti si aspettino che qualcuno che vuole vendergli qualcosa aderisca almeno ai principali valori importanti per quel segmento di pubblico. Pensa al danno – e al dramma – che derivano quando si scopre che alcuni politici agiscono contro i valori che promuovono all’interno loro partito. Se vuoi i voti dei cittadini stranieri che vivono nel tuo Paese, non dovresti parlare di chiudere i confini o costruire muri. Lo stesso vale per una marca. Se possiedi una catena alberghiera e vuoi attirare la fetta di mercato che guarda alle famiglie, spazi e attività per famiglie sono indispensabili da trovare nei tuoi edifici.

Come puoi vedere, il personal branding ti dà il potere di migliorare la tua attività e di elevarti a figura di spicco nel tuo campo.

Questo miglioramento significa che i tuoi vantaggi non si conteranno solo in termini di denaro e profitto, ma anche in termini di riconoscimento. Diventa una voce influente e la prosperità della tua attività seguirà di conseguenza.

Ora, come hai potuto constatare in questo articolo, costruire e / o sviluppare il personal branding non è un viaggio che un imprenditore già molto impegnato nel dirigere la sua attività può svolgere da solo. Richiede tempo e tattica nel costruire uno palcoscenico appropriato in cui mostrare online ciò che puoi fare e quanto bene puoi farlo.

Per questo motivo, Targeto, la nostra agenzia di pubblicità digitale, offre, tra gli altri servizi, la possibilità di implementare il tuo personal branding, se ne hai uno, o di costruirlo da zero.

Puoi trovare tutti i dettagli qui e se non sei sicuro, perché non pianifichi una sessione gratuita con il nostro team di esperti? È senza impegno, puoi scegliere qualsiasi momento sia più adatto a te, e risponderemo a tutte le tue domande. Clicca qui!

Assistenti vocali: quale futuro per la pubblicità?

Se qualcuno ci chiedesse di immaginare il futuro, due papabili scenari ci saltano in mente. Il primo è una terra in stile Mad Max, dove ci combatteremo per l’ultimo pomodoro fresco, indossando giacche con spunzoni e guidando auto ibride che sputano fiamme. Il secondo è un’era in cui le macchine volanti e la tecnologia senziente hanno reso le nostre vite più confortevoli, e possiamo attivare tutto o scoprire di tutto usando la nostra voce. Mettendo da parte la prima ipotesi, possiamo dire che già oggi abbiamo un assaggio del nostro futuro tecnologico.

Stiamo parlando degli Assistenti vocali, naturalmente, quel gruppo di voci che saltano fuori dai nostri dispositivi, di tanto in tanto: Siri, Cortana, Alexa, tutti gli assistenti che varie aziende stanno costruendo esclusivamente per i loro clienti.

Naturalmente, il futuro in cui la nostra vita sarà per lo più automatizzata non è esattamente dietro l’angolo, sia in termini di costi che di applicazione pratica, ma ignorare la crescente popolarità che gli assistenti vocali hanno acquisito è impossibile. Forse non abbiamo – ancora! – una casa che sa quando accendere il forno, ma almeno una volta abbiamo parlato con l’assistente vocale dei nostri smartphone. Recenti ricerche hanno dimostrato che gli utenti che usano maggiormente gli assistenti vocali al momento sono i mercati asiatici, guidati da India e Cina. Il pubblico europeo sembra avere una reazione alquanto tiepida nei confronti degli assistenti vocali, con solo un quarto della popolazione locale che li usa quotidianamente.

Si prevede, tuttavia, che Voice Shopping raggiungerà i 40 miliardi entro il 2022. I consumatori hanno dimostrato di usare la tecnologia legata all’assistente digitale per cercare informazioni su un prodotto (47%), aggiungere articoli a una lista (43%) o confrontare i prezzi dei prodotti (32%), piuttosto che affidarvisi per fare qualche acquisto.

Possiamo vedere il mondo avanzare verso questa direzione proprio ora, grazie a fattori quali:

  • L’accordo Amazon lanciato di recente durante la stagione del Black Friday e delle festività natalizie: per promuovere la diffusione del proprio dispositivo, Amazon Echo, Amazon ha offerto ai propri clienti l’opportunità di acquistarlo a un prezzo enormemente scontato. Il piano ha funzionato bene e, anche se non tutti gli acquirenti hanno collegato Alexa ad un elettrodomestico, le ricerche vocali sono aumentate negli ultimi mesi.
  • La facilità d’uso di questi dispositivi: non a caso la maggior parte degli utenti consulta i propri assistenti mentre guida, cucina o cammina. Le risposte sono facili da ottenere ed è un sistema rapido per scoprire dove si trova il miglior ristorante di sushi o quando chiude l’ufficio postale. Un altro grande vantaggio è che i risultati sono geolocalizzati. Non è necessario specificare dove vogliamo trovare un particolare prodotto o servizio, se non vogliamo, perché il sistema presuppone che siamo interessati a qualcosa che ci è vicino – sia fisicamente, sia teoricamente legato alle nostre ricerche più recenti.

Perché i digital marketer dovrebbero prestare attenzione ai Voice Assistant?

Promuovere qualcosa significa sempre competere con altri brand che hanno un’offerta simile. Tuttavia, come si può fare ciò mentre una voce elettronica introduce la tua offerta ai potenziali clienti? Devi sapere come funzionano gli algoritmi che selezionano i risultati migliori, e assicurarti di essere il primo ad essere gentilmente introdotto dall’assistente vocale!

  • Concentrati sulla classifica: la posizione che il tuo annuncio occuperà nella lista dei risultati diventa quindi essenziale. Tu vuoi giustamente che la tua attività appaia in primo piano, quando l’assistente vocale leggerà ad alta voce i risultati a un potenziale cliente. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario disporre di contenuti SEO ben scritti e di un buon content marketing. Leggi qui per saperne di più.
  • Crea contenuti di facile lettura e comprensione, concentrandoti sulla qualità del tuo prodotto, e magari offrendo una sorta di interazione tra te e i clienti. Ad esempio, vari marchi di bellezza offrono la possibilità di avere una consulenza di bellezza basata sul risultato della tua ricerca: hai cercato una crema idratante per la tua pelle? L’assistente del brand ti dirà quali altri prodotti potresti utilizzare per risolvere il tuo problema o quali trucchi potresti provare. Un altro esempio? Disney ha creato alcuni giochi a tema per i bambini, che possono dialogare con l’assistente vocale. La rete televisiva americana HBO ha creato le skill, un’applicazione che ti consente di raggiungere i tuoi programmi TV preferiti o di iniziare a riprodurli sul televisore.

Secondo una ricerca fatta da Google, il 52% degli utenti di un Voice Assistant desidera informazioni su vendite, offerte e promozioni speciali. Anche se al momento non è possibile lanciare annunci su Echo o sull’assistente Google, cioè avere una voce che interrompe la tua domanda con un’offerta commerciale, il momento per loro sta arrivando. I marketer stanno rispondendo preparando il content marketing per rispondere a domande dirette come “Dov’è il miglior ristorante cinese?” O “Dimmi dove posso trovare un buon rivenditore di auto nella mia città”. Stanno iniziando a scrivere contenuti che possono essere trovati facilmente da un motore di ricerca e offerti tramite Voice Assistant. Anche se al momento sia Google Home sia Amazon Echo sono ancora un campo di battaglia sperimentale per i professionisti del marketing, essi già sanno che è solo una questione di tempo prima che le ricerche vocali esplodano. Le aziende hanno iniziato a sperimentare come possono far interagire i potenziali acquirenti con i brand tramite un assistente vocale. Le regole sono più o meno le stesse: concentrarsi sul prodotto e mostrare perché è il migliore della sua categoria.

I marketer hanno anche iniziato a sperimentare le possibilità di un’interazione tra il potenziale cliente e il prodotto tramite l’Assistente. Avere qualcuno che cerca usando la voce significa che i risultati saranno più personalizzabili, da qui la necessità di pensare al marketing digitale in grado di spingere un content marketing che i potenziali clienti non percepiscano come una semplice pubblicità, ma come un’interazione.

Questo apre un nuovo mondo di possibilità in cui la creatività può essere mescolata con un approccio più pratico:

La prima domanda deve essere quella relativa all’Assistente stesso. Questi sono solo alcuni esempi, ma un approccio di digital marketing potrebbe chiedere: quale Assistente vocale vogliamo targetizzare? Come lo percepisce il pubblico? Qual è l’utente tipico di questo Assistente? Pensano che l’Assistente dovrebbe essere amichevole o formale nelle sue risposte?

Successivamente, i marketer studiano come affrontare il contenuto. Quali frasi sono più utilizzate per chiedere informazioni o assistenza su un prodotto specifico? Quali sono le parole chiave? Per quanto tempo i clienti sono disposti ad ascoltare l’assistente vocale che legge un risultato?

Tutte queste domande non hanno una serie generale di risposte. Come sempre accade nel marketing, ogni brand è unico, e ha bisogno di raccogliere dati al fine di costruire in futuro un’efficace campagna di marketing vocale.

Tuttavia, come possono gli Assistenti vocali aiutare i digital marketer nella conversione degli utenti in clienti?

Questi ultimi generalmente effettuano le loro ricerche prima di acquistare qualcosa, e per questo utilizzano dispositivi diversi. Dal momento che gli Assistenti vocali sono una realtà nuovissima, il mercato sta ancora studiando come vengono utilizzati esattamente quando si tratta di ricerche legate all’acquisto di un prodotto. In questo momento, sembra che Cortana, Alexa e tutti gli altri Assistenti siano utilizzati per domande veloci come “Dammi le indicazioni per la biblioteca” o “Dove posso acquistare un computer portatile?.
Come puoi vedere, queste domande richiedono risposte brevi e dirette.

Ripetiamo ancora, poi, l’importanza di un contenuto correttamente scritto in chiave SEO per sponsorizzare al meglio un prodotto e per indicizzare la tua attività. Poiché essa apparirà nell’elenco che il Voice Assistant leggerà a un potenziale cliente, devi utilizzare le parole chiave giuste e pensare a frasi facilmente leggibili. Tieni sempre presente, inoltre, che una buona fetta degli utenti sarà occupata in qualche altra attività, con cui devi dunque competere in termini di attenzione. Il risultato restituito deve contenere tutte le informazioni di cui l’utente ha bisogno e nient’altro. Quando crei il contenuto per un Assistente vocale, puoi essere creativo quanto desideri, ma quando cerchi di sponsorizzare il tuo prodotto, devi concentrarti sulle caratteristiche principali del prodotto. Tuttavia, devi evitare di essere percepito come il creatore di una pubblicità invasiva. Complicato, vero?

Un marketing a prova di Attivazione Vocale.

È fondamentale tenere presente che un’interazione tra un Assistente vocale e i clienti è una dimensione diversa rispetto a una pubblicità trovata o proposta quando una persona cerca un prodotto online, utilizzando il proprio smartphone o computer. Quando un cliente “parla” a un Assistente, lo scambio diventa più privato. Personale. Lo spazio tra la persona e l’Assistente è più vicino rispetto a quando utilizza un altro dispositivo: queste persone stanno guidando, o sono nelle loro case interagendo con questo dispositivo specifico mentre ci parlano. L’ultima cosa che un imprenditore dovrebbe desiderare è essere una seccatura per un potenziale cliente. I clienti vogliono sentire di essere importanti in quanto persone, non portafogli su due gambe. Quando chiedono a Cortana di un prodotto, desiderano conoscere le informazioni principali, ma non interagire con una pubblicità fredda, che spinga anche verso altri prodotti.

Gli assistenti vocali sono in grado di eseguire un numero impressionante di attività: far ascoltare musica, controllare qualsiasi dispositivo collegato a un hub di automazione domestica intelligente, leggere un ebook o una ricetta. Cambiare il modo in cui i clienti interagiscono con loro per i marketer significa porre una particolare attenzione alle parole chiave, e concentrarsi nello sviluppare linguaggio naturale. Gli utenti di Alexa o Siri non vogliono mere informazioni, ma piuttosto una conversazione.

Niente pubblicità diretta, per ora, ma grandi prospettive.

Poiché i produttori degli Assistenti vocali hanno vietato per ora il direct marketing, i marketer stanno diventando creativi nell’offrire non una vendita, ma un’esperienza. Cosa significa? Non è possibile lanciare una pubblicità standard a causa delle regole che vietano tale pratica. È permesso, tuttavia, creare contenuti che interagiscano con l’utente mentre si parla di un prodotto. L’interazione non è nulla di poetico: l’Assistente risponde a domande dirette. Tuttavia, questo scambio non deve essere necessariamente una conversazione sterile. Tutto dipende da come è stato scritto il contenuto che il Voice Assistant sta leggendo: può fornire informazioni senza sembrare freddo o formale, e può convincere l’utente a visitare il sito Web di tale azienda, quando addirittura non ordinare direttamente il prodotto.

Abbiamo visto come l’annuncio tramite Assistente vocale stia lentamente iniziando a guadagnare popolarità. Ignorare questo nuovo trend del marketing non è un’opzione saggia per le imprese e gli imprenditori che vorranno promuovere i loro business nei prossimi anni. Dal momento che le possibilità sono ancora in via di sviluppo, possiamo solo immaginare quanto grande sarà questo impatto per il mondo della pubblicità digitale. Per noi digital marketer, questa è una buona notizia! 

Abbiamo a nostra disposizione un modo nuovo e coinvolgente per comunicare con i nostri potenziali clienti.

Content Marketing? Rendetelo parte della vostra strategia di marketing digitale oggi stesso!

Al giorno d’oggi siamo abituati a essere bombardati da molti annunci, specialmente mentre navighiamo online. Stiamo parlando di 4000-5000 annunci a persona, tra pubblicità online e media tradizionali, via televisione, radio, giornali, volantini, ecc…..

Se pensiamo a quali ricordiamo più chiaramente, ci rendiamo conto che si tratta di quelli che ci stavano dando un messaggio a cui eravamo interessati, o che centrava in qualche modo i nostri interessi.

Questo è l’obiettivo del content marketing: coinvolgere e creare interesse nel target di riferimento. Naturalmente, il trucco sta nel non dimenticarsi di pubblicizzare il prodotto che desideriamo immettere sul mercato. Dal momento che i clienti ricordano meglio quello che vogliono, il content marketing si concentra sul mettere in luce gli aspetti dei prodotti che potrebbero interessare maggiormente il nostro pubblico di riferimento.

Possiamo dire che il content marketing  – o marketing dei contenuti – è la pietra angolare su cui i marketer digitali costruiscono la loro strategia.

Oltre ad altri vantaggi che analizzeremo presto, ci sono due punti principali che dovremmo considerare quando pensiamo a questo tipo di marketing.

In primo luogo, il content marketing genera maggiore interesse per il nostro brand e rende più facile per le aziende e gli acquirenti connettersi e comunicare. Grazie ai canali social, ad esempio, i potenziali clienti possono trovare informazioni su un prodotto specifico, ma sono anche in grado di interagire con il venditore. Gli utenti possono fare domande o darci le loro impressioni, e parte dell’obiettivo del content marketing è di far loro sapere che li abbiamo ascoltati, e che abbiamo le risposte.

In secondo luogo, il tipo di contenuto che scegliamo e diffondiamo online dà forma all’opinione che i clienti costruiranno attorno al nostro prodotto/brand. Il content marketing ci dà l’occasione di scegliere e plasmare come saremo percepiti, agendo di conseguenza. Per esempio, possiamo determinare quale sia il modello di discorso più adatto per attrarre i nostri clienti, quali notizie sul nostro marchio siano le più coinvolgenti e così via.

Ciò significa che abbiamo tutto l’interesse a creare un contenuto che sia:

– In grado di educare sul prodotto: cosa possiamo offrire a un potenziale cliente? Qual è il valore del nostro marchio? Perché dovrebbero scegliere noi? Vogliamo che il nostro brand costruisca una connessione basata sulla fiducia con il pubblico. L’obiettivo finale del marketing digitale non è tanto quello di essere artistici, ma quanto di vendere qualcosa. Questo significa che concentrarsi sull’estetica dimenticando i contenuti, non è la strada giusta da seguire. Vogliamo impressionare l’audience in un modo che poi tornino come clienti. Creare un annuncio efficace significa non lasciare che il messaggio principale – compra il nostro prodotto! – sia oscurato dal resto del testo. Un esempio eccellente di questa situazione sono i tanti, tantissimi annunci che sono spiritosi, divertenti, o semplicemente piacevoli da guardare, ma alla fine, dubbiosi riguardo al tipo di prodotto che stanno sponsorizzando. Un caso noto è stato un annuncio con protagonista una famosa attrice che salta in giro e ci dice quanto sia bella la vita. Molte persone hanno pensato che stesse pubblicizzando del makeup o una crema per il viso, per via dei numerosi primi piani utilizzati. Invece, il prodotto in questione era un profumo. Questo tipo di malinteso è esattamente ciò che si vuole evitare.

– Coinvolgente: non vogliamo annoiare i clienti, ma incuriosirli. Dato che conosciamo il nostro pubblico e che il tipo di clienti che stiamo cercando di raggiungere è già interessato al nostro prodotto, parliamo con loro della nostra offerta. Facciamo loro sapere che sono apprezzati e che la loro opinione riguardo all’esperienza con il nostro marchio conta. È dimostrato che i clienti che percepiscono di essere considerati non solo acquirenti, ma anche persone, tendono ad essere più interessati a un prodotto specifico e a chiunque lo stia producendo. Come potete leggere in questo articolo, il marketing tradizionale doveva evolversi una volta giunta l’era di Internet. Gestire in maniera corretta una campagna di digital marketing non comporta semplicemente sponsorizzare un prodotto per un pubblico online. Si parla di passare dall’offerta di un mero prodotto, all’offerta di un’intera esperienza. I clienti non acquistano solamente un oggetto, ma anche i valori del brand che lo produce.

-Orchestrato in ottica SEO: la Search Engine Optimization è la nostro migliore amica quando si tratta di promuovere la nostra attività. Assumere un copywriter SEO per scrivere il nostro contenuto vuol dire avere un testo ottimizzato per essere rintracciato dai motori di ricerca. Premesso ciò, avere un contenuto ottimizzato significa che si diffonderà maggiormente, e quindi un numero maggiore di potenziali clienti lo vedrà. Scrivere un testo in ottica SEO richiede di assumere professionisti in grado di scrivere usando le parole giuste, parole che possono essere trovate dai motori di ricerca e che facciano vendere un prodotto.

Abbiamo dunque visto che il content marketing aiuta la nostra strategia di marketing digitale ad aumentare le nostre vendite e ad interagire meglio con il pubblico, aiutandoci a convertirlo in clienti.

Organizzare una campagna di digital marketing con contenuti validi e costruiti per il mondo digitale offre molti vantaggi, in termini di conversione visitatore – acquirente.

Tuttavia, ce ne sono altri che vale la pena menzionare:

  • Come puoi leggere qui, l’uso di Ads Blockers è aumentato drasticamente. Le persone vogliono interagire con ciò che trovano interessante o che sta loro a cuore, purché sia più di un semplice invito a spendere. Più contenuti interessanti offriamo, più users saranno felici di leggerli e cercarli. Contattare i professionisti è la mossa giusta da fare per garantire che non perdiamo tempo producendo materiale accattivante, che però dimentica di menzionare o dare la giusta importanza al prodotto che vogliamo promuovere. Come abbiamo già detto, noi vogliamo vendere, perciò dobbiamo impegnarci a trovare il giusto equilibrio tra invito ad acquistare e narrazione.
  • La comune soglia di attenzione delle persone è al massimo di 37 – 45 secondi. Questo ammontare di tempo è quanto ci è concesso per impressionare abbastanza un cliente da convincerlo a conoscerci meglio. E questo è anche il motivo per cui è necessario assumere un team in grado di orchestrare la giusta campagna di marketing digitale, spingendo il content marketing sia per promuovere il prodotto, che per creare qualcosa con cui i futuri clienti possano identificarsi. Possiamo dire che un contenuto altamente personalizzabile è la versione online di un eccellente servizio clienti. Come si suole dire, la forza sta nei numeri, e noi possiamo ottenere questi numeri facendo sentire ogni follower – e, si spera, potenziale acquirente – stimato. Se vogliamo che le persone ci ascoltino, dobbiamo dare loro una valida ragione per farlo.
  • Dobbiamo prenderci cura dei nostri social media! A volte, gli imprenditori scambiano le loro pagine sui social media per un mero mezzo atto a reindirizzare il pubblico al blog principale. Altre volte, i canali social sono una mera replica del contenuto del sito web.  È importante invece ricordare che ogni canale social è unico, e ha un pubblico differente. Questa audience è abituata all’approccio usuale, proprio di quel specifico social channel. Un team di professionisti può approfittarne, studiando il modo migliore per articolare post e inviare messaggi. Certo, reindirizzare le persone a un sito web in cui possono acquistare il prodotto è il fulcro di questa operazione, ma intrigare il pubblico è una mossa migliore di un semplice invito a visitare il sito web.
  • Inoltre, in questo articolo, possiamo notare che è importante investire in annunci a pagamento, purché i professionisti si stiano occupando di costruirli per noi. Il content marketing migliora quello digitale arricchendolo con qualcosa di più della vendita di informazioni. Enfatizza l’unicità di ciò che vendiamo e accelare il ritorno dal denaro investito. Le ricerche hanno anche mostrato come chi decide di utilizzare il content marketing può contare su tassi di conversione quasi sei volte superiori rispetto ai concorrenti. Ora, cosa significa questo in termini di ritorno dell’investimento? Semplicemente che più traffico equivale a più spettatori per i tuoi annunci a pagamento. Più spettatori significano la reale possibilità di convertire gli utenti in clienti.

Sempre più aziende e imprenditori si stanno rendendo conto di quanto sia difficile mantenere l’equilibrio tra il desiderio di promuovere il proprio prodotto, coinvolgere i clienti futuri o che già si hanno, e ottenere un ritorno dai propri investimenti.

Tuttavia, possiamo avere il miglior content marketing al mondo, eppure la pubblicità che abbiamo pagato non sta ottenendo le reazioni che speravamo. Ciò potrebbe accadere perché il content marketing non è supportato dalla corretta strategia di annunci a pagamento, o non mira al pubblico che dovrebbe. O semplicemente, il brand ha bisogno di maggiore visibilità.Il nostro team di Targeto può aiutarti! Siamo un’agenzia di Media Buying il cui scopo è quello di diffondere i tuoi annunci a pagamento attraverso i migliori canali digitali. Ti aiuteremo a monitorare i risultati e a migliorarli grazie a un approccio basato sui dati che raccogliamo. Contattaci per una sessione di strategia, è gratis!